venerdì 17 agosto 2012

Normalità

La normalità esiste? Credo di sì, non intendola più però come modello di riferimento per poi definire le diversità, ma come  concetto di quotidianità, fatta di scansione di tempi e di gesti che ogni persona vive e programma secondo la propria situazione fisica, morale, emotiva e familiare. Se si vivono le proprie giornate in questa prospettiva scompare una delle principali fonti di sofferenza: il confronto con le vite altrui che nasce dall'idea che a noi manca sempre qualcosa rispetto alle persone che incontriamo sul nostro cammino.

1 commento:

  1. Da vicino nessuno è diverso :)
    Un abbraccio Donatella

    RispondiElimina